The beginning of his artistic journey developed a conceptual-pop phase based on faces semiotic studies and non-verbal communication that characterise the network of social media world. This is made possible by the spherical shape of the table tennis balls, a perfect and pure geometrical element that allows the artist to talk about the contemporary world.
This modular element is present in all of his artistic research as a measure unit from which he selects the shape.
In his preliminary work Petrucci studied communication and languages of human faces, but in his latest research is dominated by the exploration of processes that dig deeply and rule life in its primordial forms.
He left figurativism to embrace a study that changes the perspective of watching the intimate internal structures of things.
For this reason he studied organic architecture, where the language of life is developed in the never-ending circle of change between man and nature.
He put in action a process of democratization from the anthropocentric vision of the world and he abandoned it in order to turn for a more global and organic vision of life.

L’inizio del percorso artistico di Cristiano Petrucci vede sviluppare una fase legata al pop concettuale, basata sulla semiotica dei volti, sulla comunicazione non verbale che caratterizza il mondo dei social network. Tutto questo è reso possibile dalla forma sferica di palline da ping pong, elemento geometrico di purezza che permette di raccontare il mondo contemporaneo. Questo elemento modulare sarà presente in tutto il suo percorso artistico come unità di misura su cui opera la selezione naturale della forma. Se in una fase preliminare del lavoro di Petrucci si riscontra uno studio sulla comunicazione e sui linguaggi dei volti umani, l’inizio di una fase più matura è dominata da processi che scavano in profondità, che regolano lo svolgersi della vita nelle sue forme primordiali. Abbandona il figurativo, intraprendendo uno studio che ribalta la prospettiva dello sguardo, rivolto ora alla struttura interna delle cose. Approfondisce così l’architettura della materia organica, dove il linguaggio della vita si articola nel divenire circolare uomo-natura. Opera un processo di democratizzazione rispetto alla visione antropocentrica, abbandonandola a favore della vita organica nella sua visione più globale.

The role of the artist is to provoke the imagination, and this is what the art of Cristiano Petrucci does.

Il ruolo dell’artista è di provocare l’immaginazione, e questo è ciò che fa l’arte di Cristiano Petrucci.

Depending on the mentality  of the person, his art can be interpreted  in many different ways. His pieces of art present a mysterious and interesting world which we cannot see with naked eye – atoms, molecules, cells, organisms.
Some of his work looks like glycoproteins – proteins with oligosaccharides covalently attached to polypeptide.  Others look like  carbohydrate molecules composing long chains  of polysaccharides .
The white balls in his art are arranged like the atoms of a crystal structure or like the creation of a real pollen grain or colony of corals. Because these balls are by themselves perfect , they create beautiful, mesmerizing forms.
The sculptor shows a world around us, which can be seen only under the microscope.

Le sue opere presentano un mondo interessante e misterioso, invisibile ad occhio nudo – atomi, molecole, cellule, organismi.
Alcuni dei lavori ricordano glicoproteine, oligosaccaridi legati in modo covalente con le proteine. Altri somigliano a lunghe catene di polisaccaridi.
Le palline bianche da ping pong, nella loro intrinseca perfezione, sono organizzate come atomi di una struttura di cristalli, come la rappresentazione reale di un grano di polline, o una colonia di coralli, creando forme armoniche e ipnotiche.
Lo scultore ci mostra un mondo circostante che può essere visto soltanto al microscopio.

The artwork reminds us of amoeba and makes us think of  “eucariotic life springing from the depths  of the ocean, before life found land.”
Some of the pieces of art resemble a virus, represented in very great detail – with its genetic material of DNA or RNA, protein or lipid bilayer of its coat and spikes, which are used for attachment of the virus to the host cell like the human immunodeficiency virus (AIDS).
Or, if you don’t see a virus, it can be a B immune cell with its receptors already activated and ready for producing antibodies.
In whatever way we interpret the art of Chistian Petrucci, we feel the originality of the sculptor and he is very successful in provoking our imaginations.

Sia Kruschke , PhD in Biology, Stanford University/ Howard Hughes Medical Institute, Stanford, California

Le sue opere d’arte ci ricordano le amebe (organismi monocellulari) e ci fanno pensare “alla vita eucariotica sorta dalle profondità dell’oceano prima che la vita trovasse la terra”.
Alcune delle opere somigliano ad un virus, rappresentato in grande dettaglio, con il suo genoma costituito da DNA o RNA, la sua copertura proteica (capside) da cui sporgono delle proteine di superficie fondamentali per il legame con le altre cellule. Oppure, se non un virus, potrebbero essere cellule B con i ricettori già attivati e pronti a produrre anticorpi.
In qualsiasi modo vogliamo interpretare l’arte di Cristiano Petrucci, noi sentiamo l’originalità dello scultore, che riesce mirabilmente nel suo intento di stimolare la nostra fantasia.

Sia Kruschke Dottore di ricerca in Biologia, Stanford University/ Howard Hughes Medical Institute, Stanford, California

Contini Contemporary ahold a unique structure as an international art gallery offering an eclectic mix of styles and artworks that exemplify its foremost dedication to the accessibility of art and the global communication it inspires.

La galleria d’arte Contini Contemporary si pone sul mercato internazionale offrendo un mix eclettico di stili artistici che ne rispecchiano la dedizione all’accessibilità dell’arte attraverso una valorizzazione e comunicazione a livello globale.

With its new gallery in London, a forthcoming one in Milan and collaborations with international galleries, Contini Contemporary strives to offer a world-wide collector access of multicultural artists from Modern artists such Pablo Picasso, Lucio Fontana, Andy Warhol and Robert Indiana to the most sought-after Contemporary artists such Endless, Renato Meneghetti, Michelangelo Galliani, Gioni Parra, Lorenzo Puglisi and many more.

Con una nuova galleria a Londra, una prossima apertura a Milano e collaborazioni con gallerie a livello internazionale, Contini Contemporary offre ai collezionisti di tutto il mondo accesso a un portfolio multiculturale di artisti: dai grandi maestri moderni come Pablo Picasso, Lucio Fontana, Andy Warhol e Robert Indiana, agli artisti contemporanei più richiesti, come Endless, Renato Meneghetti, Michelangelo Galliani, Gioni Parra, Lorenzo Puglisi e molti altri.

Cristian Contini and Fulvio Granocchia are avid art collectors and they run an extensive private and public exhibition program promoting emerging and established artists across Europe and America. Contini Contemporary Website

Cristian Contini e Fulvio Granocchia sono appassionati collezionisti d’arte e gestiscono importanti programmi artistici con esposizioni di artisti affermati ed emergenti tra Europa e America. Contini Contemporary Website